Dopo 2000 anni ritrovato il Vino di Creta a Pompei

POMPEI – Durante i lavori di scavo, successivi al parziale crollo del 2010 della Schola Armaturarum, nuovi e sensazionali ritrovamenti vengono alla luce. 

Ritrovate una serie di anfore, così come erano state accatastate 2000 anni fa, in un ambiente esplorato per la prima volta in seguito ai nuovi lavori di scavo; la notizia diventa, però, sensazionale quando si scopre la presenza di anfore di origine cretese, verosimilmente, contenenti il famoso e pregiato vino che veniva prodotto nell’isola greca; vino importato da Pompei. Accanto a tali anfore vi erano altre provenienti dalla Spagna e dalla Sicilia, inoltre, anfore destinate al trasporto di olio e di garum, la famosa salsa della quale i romani andavano pazzi; la salsa era prodotta anche a Pompei ma la sua produzione, qualitativamente migliore, era quella spagnola chiamata garum sociorum.

Non tutti i romani, tuttavia, erano ghiotti di Garum; infatti Plinio il Vecchio lo definisce exquisitus, facendo una distinzione tra i vari tipi e le varie qualità, Seneca, al contrario, ne parla in maniera negativa così come anche Marziale e Platone comico.

anfore vino Creta Pompei

Storia di Roma antica, del...